A proposito di “sforzi” motivati.

A proposito di “sforzi” motivati.

Mi sento davvero di avere qualcosa da dire su questo argomento!

Perché lo dico? Perché lo penso nella vita devi fare l’azione per raggiungere il risultato desiderato. E quando dico azione, non intendo lo sforzo, come molte persone lo vedono, ma a un’attività sostenuta, effettivamente svolta, con una destinazione molto chiara.

Lascia che ti faccia degli esempi per capirmi meglio!

A due anni e mezzo ho iniziato ad andare all’asilo, perché i miei genitori sono andati a lavorare a Bucarest, e i miei nonni, che in realtà puoi dire che sono cresciuti, erano nel settore del giardinaggio, e sono stati impegnati tutto il giorno. Così ho iniziato ad andare all’asilo, accompagnato da mia cugina, Laura, di sei anni più grande, che frequentava la scuola generale nello stesso posto. E sono andato con grande piacere, rendendomi una persona molto socievole e aperta.

Nei gradi 1-4 posso dire che ho iniziato a formarmi come leader, perché ricordo molte volte quando il nostro insegnante, che era anche il preside della scuola, era in riunione o non andava a scuola e mi chiedeva di fare i compiti con i pochi colleghi che ho avuto in classe, che sono stato organizzato e responsabile. 😎

Classi 5-8 Ho seguito in un altro villaggio, nel villaggio adiacente, che era a una distanza di 5 km. Per 4 anni ho fatto il pendolare a piedi insieme alla mia migliore amica, Cristina, tutti i giorni. Non perché non avevamo nulla con cui andare, ma perché l’autobus che passava era sempre in ritardo e non volevamo arrivare in ritardo a scuola. Abbiamo iniziato a controllare il tempo, stavo facendo 18-20 minuti al mattino mentre stavo andando più veloce, e 25 minuti a mezzogiorno quando sono tornato a casa. E non ricordo affatto di essere assente dalle lezioni, senza alcuna motivazione.

Al liceo era ancora più eccitante. Perché volevo andare a scuola superiore a Bucarest, ho superato un esame di ammissione e sono andato al liceo Iulia Haşdeu. Bel liceo e tu hai dovuto imparare seriamente, ma ho dovuto fare un altro “sforzo”, il viaggio lì, il trasporto. Poiché a Snagov non esisteva in quel momento, nel 1999/2000, molte opzioni di trasporto, ma solo un autobus denominato IRTA, che aveva orari di passaggio fissi. Rispettivamente, nel 9 ° e 10 ° grado abbiamo imparato il pomeriggio, il che significa che stavamo andando a 12-13 e andando fuori dalle ore 18-19. Niente fuori dall’ordinario fino ad ora. Era solo l’ultimo autobus che andava a casa alle 18:30 a Baneasa. Voglio dire, dalle superiori ho dovuto partire alle 17:30 per arrivare in tempo, questo significava mancare dalle ore … e non ho tenuto conto di questa opzione. E due anni mio padre è venuto a prendermi da Otopeni alle 20:30, fino a quando siamo arrivati ​​con un altro autobus.

Nell’undicesimo e dodicesimo grado ho imparato la mattina, entriamo alle 7:30. Era fuori mano perché significava svegliarsi per 2 anni alle 4:30, 5:30 all’autobus e alle 6:30 stavo andando a scuola (se prendevo il prossimo autobus ero in ritardo alla prima ora e io non lo volevo). Quindi ogni giorno ero al liceo molto prima che le porte si aprissero, io e le signore della pulizia. A volte mi compiangevano e mi lasciavano entrare. A volte non lo fanno … Ricordo che nei giorni freddi, per non stare fuori, stavo guidando l’autobus 335 a un’estremità e ritorno, una volta o due per passare il tempo alla prima ora. E così sono passati 4 anni, senza perdere neanche un giorno, non sentendo uno sforzo speciale, la motivazione era oltre l’azione stessa! 😉

Quando avevo 17 anni, durante le vacanze estive, ho lavorato per la prima volta, ufficialmente, in una pizzeria. 😀 Tutto è iniziato quando mia madre mi ha detto che non aveva abbastanza soldi per comprarmi un vestito e un peer di scarpe con il tacco (volevo anche essere una signora); in più che mia madre mi ha chiesto: quando li indossi? Che tu di solito porti uno sport … Poi ho deciso di trascorrere l’intera vacanza, tre mesi, lavorando in una pizzeria, lavoro che comportava l’uscita di casa alle 6:30 e il ritorno alle 19:30, lavoro per 8 ore in piedi a poche centinaia di pizze a giorno, quindi non ho avuto tempo per nient’altro; inoltre ero stanco di un simile programma. Ma ero molto eccitato, motivato dal fatto che avevo i miei soldi e non rendeva mia madre più frettolosa, quindi non avevo voglia di fare uno sforzo speciale, ma l’ho fatto con amore. 😎

Nel primo anno di facoltà ho ripetuto la figura. Voglio dire, mi sono assunto in un bar nell’aeroporto di Otopeni, dove ho fatto il caffè e fresco. Mentre ero al college, ho scelto di lavorare nel turno di notte dalle 23:00 alle 7:00. Essere in grado di mantenere me stesso, che avevo già 19 anni e non mi sentivo a mio agio seduto nelle mani dei genitori per ogni centesimo. Così la motivazione e il risultato mi hanno fatto passare facilmente nei pochi mesi che ho lavorato lì, senza la sensazione di fare uno sforzo!

E l’elenco di esempi può continuare molto, ma ne conservo ancora alcuni per altri articoli. : Mr Green:

Ho sentito il bisogno di scrivere questa esperienza perché sento continuamente persone intorno a me che si auto-infliggono per molte azioni che fanno ogni giorno (o anche per dire che si lamentano), che hanno voglia di fare sforzisu tutti gli sforzi. Se questo è ciò che senti nella tua vita di tutti i giorni significa che non sei sulla strada giusta. Devi fare un cambiamento. Perché prima o poi la mente e l’anima si stanchino e non ci sarà soddisfazione per il risultato. È solo un lavoro inerte. E questo non riguarda la vita! Se non lo senti, congratulazioni, sei sulla buona strada!

Carissimi,

Catalina

16 marzo 2019, Bucarest

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La piattaforma VIAŢA utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.

Subscribe to newsletter